La nostra storia


Da più di mezzo secolo sui pedali…

La nostra storica inizia del lontano 1956. Guido Neri vuole correre in bici. Nativo di Cesena (FC) vive con la sua famiglia, Nonno Pio e Nonna Agostina e la sorella Ornella, a Guastalla (RE). Qui si sono trasferiti perché suo babbo trova lavoro come tecnico agronomo in una grande tenuta agricola.
Nella squadra del paese non c’è posto per accoglierlo come ciclista e gli propongono di entrare a fare parte del gruppo di pugilato. Allora Guido decide di allenarsi con i pugili, ma si allena da solo anche con la bicicletta che suo padre gli ha comprato con enormi sacrifici.
In allenamento con la sua bicicletta incontra quelli della squadra di ciclismo del suo paese e stacca tutti.

articolo2


neri_guido_1956

Si presenta al campionato italiano di ciclismo allievi, dopo 75 km circa sul sellino posteriore della moto NSU di suo padre tenendo la bici in spalla. Qui, a Fornovo, sull’ultima salita stacca tutti e vince il Campionato Italiano nella categoria allievi (16 anni ).
…viene poi preso in squadra e cominció qui la sua carriera ciclistica che durò sino a 9 anni di professionismo con 8 giri d’Italia, 2 tour de france e 2 vuelta de espania. Oltre alle numerosissime classiche….
Corre con grandi ciclisti come Eddy MERCKX, Michele Dancelli, Franco Bitossi, Arnaldo Pambianco, Rik Van Looy, Gianni Motta, Jacques Anquetil.

articolo1

Nel 1971 Guido smette di correre e in collaborazione con sua moglie Pinuccia, apre il negozio CICLI NERI, in una bottega in Corso Cavuor a Cesena.

Pensate che il grande Ernesto Colnago faceva le sue prime esperienze come meccanico bici proprio nella squadra professionistica di Guido. Ernesto imparó a saldare i telai proprio da Marastoni, che era il telaista di Reggio Emilia che faceva i telai per Guido, corridore prima e produttore dopo. Se hai occasione di vedere un suo telaio fatto negli anni sessanta rimani basito dagli innumerevoli accorgimenti fatti direi proprio con arte per abbellire il telaio.